domenica 21 febbraio 2010

Sentiero dei Cinque Ponti: da Montagna alle Rocche Bianche

Escursioni da Quiliano



Una lunga camminata sulle alture del Quilianese


NOTE TECNICHE

Partenza e Arrivo: Montagna, Frazione di Quiliano (SV)
Dislivello: 342
Tempo di percorrenza: 4h,30/5h per l'anello completo
Difficoltà: E
Segnavia: Rombo rosso sino alla strada delle Tagliate
Cartografia: Carta dei sentieri 1/25000 (SV2) Studio Naturalistico EdM/FIE
GPS: Scarica traccia

Attenzione!:  Gli elementi della natura, il disboscamento intensivo e  l'abbandono dei sentieri, possono essere causa di mutamenti,anche sensibili, dello stato dei luoghi descritti
In questa zona in particolare, recenti lavori di disboscamento (anno 2016) effettuati nella parte terminale del sentiero, hanno prodotto la difficile  individuazione dell'originale percorso.

Accesso stradale
Giunti a Quiliano si percorre la centrale Via Roma, si supera P.zza Gramsci e la successiva Chiesa Parrocchiale.
Si prosegue per circa 2 km sino al bivio dopo loc. Molini, dove si devia a sinistra per Montagna.
Si cerca posteggio nei pressi della piazza principale.



           
Per visualizzare la carta dettaglia della zona del percorso vedi:
Tavola SV-25   delle Mini MAPPE OUTDOOR ACTIVITIES di Giorgio Mazzarello







Itinerario

L'itinerario inizia dalla piazza di Montagna.
Si individua il segnavia "rombo rosso" seguendo il quale ci si inoltra sulla strada asfaltata in salita che passa dietro la Chiesa.
Ignorando una successiva deviazione a sinistra (sarà utilizzata per il ritorno ad anello), si prosegue dritti sinchè la strada diventa  sterrata.
Questa si inoltra nel vallone del Rio Trexenda; con un lungo falsopiano, attraversa iniziali coltivi abbandonati e, successivamente, una bella zona boschiva.

Dopo una casa disabitata sulla destra (Ca' de Gumbe), si presentano ottimi scorci panoramici sulla zona circostante, dominata dal M.Baraccone e dal M.Alto.
Si arriva quindi presso un grosso masso erratico ed al  primo ponte, che consente di passare sulla sponda destra del torrente.
Poco prima di questo, una instabile e malridotta passerella, consente di arrivare ad alcuni piccoli laghetti, tra cui il localmente noto "Lagu du Torciu".




Proseguendo sulla strada, che ora si restringe e si presenta in evidente stato di abbandono, si superano successivamente un secondo e terzo ponte in legno, passando quindi a fianco dei ruderi di una antica segheria.
Andando oltre si oltrepassa una quarto e poco dopo il quinto ponte, al quale segue un sentierino parzialmente invaso dalle erbacce.
Si ignora una stradina a destra che porta ad una cascina abbandonata ( "Au Posu"- al poggio); e si prosegue invece sul sentiero principale, trasformato in strada da recenti lavori di disboscamento  che, dopo una curva a sinistra, presso un piccolo rio, scende brevemente per poi proseguire in falsopiano e successivamente risalire con numerosi tornanti, sino a congiungersi con la rotabile sterrata che dalle Rocche Bianche conduce a Colla del Termine.
Si segue quindi quest'ultima a sinistra, e dopo circa 30' si raggiunge la località Rocche Bianche. (2h,30/3h da Montagna)

Itinerario di ritorno ad anello:

Dalle Rocche Bianche, si individua a sinistra una stradina che si inoltra nel bosco (segnavia "quadrato rosso").
Dopo un tratto pressochè in piano,  questa prosegue poi con  lunga discesa, percorrendo le pendici della sovrastante Rocca dei Corvi, e transitando poi nei pressi di Ca' Linà, ormai ridotta a rudere, e seminascosta dalla vegetazione
Attraversata poi una suggestiva pineta, si arriva presso un grosso masso, in località S. Sebastiano. Successivamente, dopo un ampio tornante a destra si arriva nei pressi delle prime case della frazione Cervaro, dopo le quali ci si immette su asfalto, si supera  il piccolo cimitero e si raggiunge Montagna.
Tempo di percorrenza. 1h,30'/2h.