giovedì 11 novembre 2010

La Foresta della Deiva

Escursioni da Sassello






Una escursione ad anello breve e rilassante, su un sentiero natura che percorre una bella zona boschiva protetta, di ben 800 ettari, un tempo tenuta privata della famiglia Bigliati

NOTE TECNICHE

Partenza e arrivo: Sassello (SV)
Dislivello: 300 m circa (lunghezza circa 12 km)
Tempo di percorrenza: 3h/3h,30 anello completo
Segnavia: tacche su alberi e paline indicative "itinerario natura"
Difficoltà: E
Cartografia: Studio Naturalistico EdM SV-01


Accesso stradale: Dall'uscita autostradale di Albisola della A10 Genova-Ventimiglia, sia segue la S.S.334 per circa 20km; da Ge-Voltri per Passo del Turchino, Passo del Faiallo, Olba e Palo.
Da Acqui Terme per S.S. 334




Itinerario
Dal centro di Sassello (386 m) si prende in direzione Savona sino al ponte sul Rio Sbruggia. Appena superato questo, si trova sulla destra il cartello indicativo della Foresta Demaniale ( nei pressi  Fabbrica Amaretti "La Sassellese"). Possibilità di posteggio auto.

Si attraversa il cancello di accesso, si supera il ponte sul Rio Giovo e si arriva in breve alla Casa della Forestale.


Ci si inoltra sull'ampia sterrata che sale nel bosco, seguendo le indicazioni del "sentiero natura", ignorando alcune successive deviazioni sulla destra. Si arriva così su di una "sella", dove una deviazione sulla sinistra porta a Palazzo Bigliati o Castello Bellavista, una bella villa padronale ottocentesca, immersa nel verde (479 m), che merita una digressione.



Ad un importante bivio, si va a destra ( la via di sinistra sarà utilizzata per il ritorno), percorrendo in leggera salita le pendici settentrionali del Bric della Rama, poi della Cima Deiva, in una bella zona di castagni, faggi, roveri, pini silvestri e pini neri. Alcuni ripidi rigagnoli, con piccole cascatelle, arricchiscono l'ambiente.
Tralasciando le varie ulteriori deviazioni sulla destra, si arriva infine al colletto del Bric Salmaceto (650 m circa), dove si raccordano altri sentieri provenienti da Giovo Ligure e Mioglia.



Inizia ora il percorso di ritorno ad anello.

Si prosegue ancora sulla larga sterrata, che adesso percorre in discesa il versante  orientale del Bric Salmaceto e della Cima Deiva, in una bella e panoramica zona di radi pini marittimi. La strada, a tratti un po' dissestata, presenta interessanti sbarramenti in pietra per il contenimento idrico dei diversi ripidi rigagnoli.
Dopo lungo percorso si ricongiunge infine, presso la "sella" di Palazzo Bigliati, con l'itinerario di salita.
Seguendo quest'ultimo si fa ritorno al punto di partenza.