venerdì 29 ottobre 2010

S.Pietro dei Monti da Boissano




Un bel percorso lungo l'itinerario di accesso ad una antica abbazia, sorta agli inizi dell'800 per volere di Carlo Magno e donata ai monaci Benedettini. Successivamente ceduta nel 1315 ai Certosini, fu definitivamente abbandonata nel 1495.
Dalla sommità panorama infinito sull'intera costa ligure.

NOTE TECNICHE

Partenza e arrivo: Boissano (SV)
Dislivello: 770 m
Segnavia: "X rossa"- "due linee rosse"
Tempo di percorrenza in salita: 2h,30/3h
Difficoltà: E
Cartografia: Studio Naturalistico EdM-SV3

Accesso stradale
Dall'uscita del casello autostradale di Borghetto S.S., si imbocca la strada prov.le per Bardineto sino a Toirano. Superato l'abitato, si devia a destra su di un ponte che porta sulla strada prov. per Boissano.
L'itinerario inizia dalla Piazza della Chiesa. Ampio posteggio in una zona sottostante la strada.




Itinerario
Seguendo il segnavia "X" e "due linee" rossi, ci si porta alle spalle della Chiesa (121m) e ci si inoltra su una stradina in salita (via Gandolfi-paline indicative). Si attraversa così il caratteristico centro storico.  In prossimità di via Cavi si  devia a destra sino nei pressi di "Ca di Gandarin", per prendere poi la ripida via S.Pietrino, che sfocia su una più ampia strada asfaltata.  Si attraversa quest'ultima e ci si inoltra su una antica mulattiera, in parte selciata, che dopo aver superato un allevamento di cavalli, porta ai ruderi della Chiesetta di S.Paolo. Altri ruderi sulla destra (Case Molle). Si prosegue ancora nella salita e dopo alcuni tornanti, si arriva  alla loc.  Casa Fossae (321 m), ormai in rovina.


Con un'ultima serie di tornanti,  si supera un poggio con una grossa croce in ferro, dopodichè si arriva al vasto e panoramico pianoro erboso,  dove sorge la chiesetta di San Pietrino (477 m), edificata intorno al 1830 per volontà di emigranti Boissanesi.


Poco più in altro si arriva ad un crocevia di sentieri. Qui occorre proseguire seguendo unicamente il segnavia "due linee rosse". ( il segnavia  "X rossa", dirige al M.te Carmo, il segnavia "TA giallo rosso" dirige a Toirano o al Rif. Pian delle Bosse). Si attraversano quindi alcune radure prative alternate a zone boscose, sino ad una vasta area erbosa. Si lascia il  sentiero proveniente sulla sinistra da Toirano ("TA"), e si volta a destra per seguire una ulteriore bella mulattiera, che dopo un breve tratto in piano, prosegue inerpicandosi con diversi tornantini. Supera quindi  la caratteristica "pietra del gallo" (masso erratico sormontato da una croce in ferro) ed arriva, con ultimi faticosi tornanti, sulla sommità dove sorge  l'abbazia di S.Pietro.
(Dell'antico complesso rimane soltanto il corpo della chiesa. Il chiostro e le abitazioni dei monaci è andato infatti completamente distrutto).
Il ritorno avviene per l'itinerario di salita.