venerdì 23 luglio 2010

Monte Argentea da Pratorotondo

Escursioni da Pratorotondo



                           
Un panoramico percorso ad anello lungo lo spartiacque, sul tracciato dell'Alta Via dei Monti Liguri.


NOTE TECNICHE:

Partenza e arrivo: Albergo/Rifugio di Prato Rotondo
Dislivello: 400 circa
Tempo di Percorrenza: 4h,30/5h circa per l'anello completo
Difficoltà: E
Segnavia: AV - A rosso
Cartografia:  Studio Naturalistico EdM SV 1
Punto di appoggio consigliato: Albergo Rifugio di Pratorotondo-Posto Tappa AVML


Accesso stradale
Dall'uscita del casello di Varazze dell'autostrada Genova-Savona, si volta a destra e si raggiunge l'abitato di Varazze. Ad una rotonda nel centro cittadino, si volta a destra, si passa davanti all'edificio comunale e si prende la strada prov.le per Sassello. Giunti alla frazione Pero, si volta a destra per Alpicella da dove si prosegue ancora con lunga salita sino alla sommità del Monte Beigua. Da qui su stradina asfaltata si scende per circa 2 km sino al Rifugio-Albergo di Prato Rotondo.





Per visualizzare la carta dettagliata della zona del percorso vedi:
Tavola GE - 2   delle Mini MAPPE OUTDOOR ACTIVITIES di Giorgio Mazzarello




Itinerario
Dal Rifugio - Albergo di Prato Rotondo (1108m) si segue l'ampia sterrata in discesa (segnavia bianco/rossi dell'AVML), che  attraversa ampie radure per poi contornare Cima Frattin, passando tra i caratteristici roccioni.
Tra splendide vedute sulla costa si supera il rifugio privato della Casa Miniera, sovrastante la Cappella degli Alpini e successivamente l'ampia distesa di Prato Ferretto, giungendo al colletto crocevia di numerosi itinerari, dove termina la sterrata.
Al centro del pianoro erboso si può notare il c.d. "campo di pietre".





Si lascia a sinistra l'AVML (da dove si farà ritorno) ed a destra il sentiero per il M.te Rama. Si procede invece dritti in discesa (segnavia 2 linee rosse), sinchè si incontra una casa diroccata della Carbunea (950m).
Si continua a sinistra e dopo circa 200 m., nei pressi dell'ottima Fonte Spinsu, si lascia il sentiero principale (che scende a Lerca) per prendere a sinistra una traccia (segnavia A rossa in campo bianco) che taglia a mezzacosta il pendio, e dopo aver attraversato una grande pietraia raggiunge il Rifugio Padre Rino o Casa Leveasso (903 m. - 1h,20 circa  da Prato Rotondo)

Ci si porta sul retro della struttura, e presso un varco nel recinto che la delimita si prende un sentierino che volge a destra (sempre segnalato con la "A rossa") .
Si attraversa quindi una zona di grossi massi,  e fiancheggiando le pendici del M. Argentea su di una caratteristica mulattiera si giunge infine ad un panoramico colletto (La Collettassa  932 m). 
Qui, dove si congiungono altri sentieri, si lascia la "A Rossa" per deviare a sinistra, inerpicandosi su per una ripida rampa erbosa. Allorchè spiana, si  ignora il segnavia "stella bianca" (via più diretta alla vetta) e si segue un sentiero obliquo a destra contrassegnato da "3 bolli rossi",  che porta con varie svolte ad un bivio. Da qui, a sinistra, con ultima erta si perviene in breve alla sommità dell'Argentea (1082m) (2h/2h,30).

Ritorno ad anello

Dalla Cima del Monte si ritorna al bivio precedente e seguendo a sinistra il segnavia "triangolo rosso" si raggiunge la cima di Pian di Lerca  ed il Rifugetto Argentea.
Si prosegue verso nord   sinchè si incontra  l'AVML, che si segue a sinistra.
Si supera quindi il passo del Pian di Lerca (sovrastante il Rif. Padre Rino), si contorna quindi la Cima Pozzo (si trova un rifugetto-riparo) per poi risalire lungo il fianco boscoso della Rocca Fontanassa sino nei pressi della cima. Quindi si devia a sinistra e si arriva sul vasto Prato Ferretto, presso l'importante incrocio di vari sentieri dell'andata.
Da qui seguendo a ritroso la panoramica strada sterrata di dorsale si  fa ritornare a Prato Rotondo.