mercoledì 1 settembre 2010

Rocca Vaccaria

Escursioni da Arenzano





La lunga salita alla Rocca Vaccaria dal Santuario del S. Bambino di Praga 


NOTE TECNICHE

Partenza e Arrivo: Arenzano-Santuario del Bambino di Praga
Dislivello: 1120 circa
Tempo di percorrenza: 3h,30/4h
Segnavia: "V bianca"
Difficoltà: E
Cartografia: Studio Naturalistico EdM - Carta dei Sentieri SV - 1

Accesso stradale
Dal casello autostradale di Arenzano si va a sinistra in direzione del centro cittadino. Ad una rotatoria si va  a sinistra, si passa dalla Stazione Ferroviaria poi si sale da via Manzoni, quindi per via Zunino, via Sanzio, viale della Rimembranza sino al Santuario del Bambino Gesù di Praga.
Puoi visualizzare l'accesso stradale utilizzando Google Maps sulla barra laterale







Itinerario
A sinistra del Santuario del S. Bambino di Praga (50m.) si prende una scaletta che porta sulla Via Costa dei Frati, con la quale si sale tra villette e coltivi, passando a fianco dell'antica Torre dei Saraceni. Si continua poi sulla strada principale ignorando ogni deviazione, sinchè questa spiana e termina presso una isolata casa colonica (loc. Pruxia).

Da qui si prende un sentierino sulla sinistra che si innalza con continuità tra arbusti e pini, offrendo numerosi scorci panoramici.
Superata la fonte Bassetto sul nostro sentiero confluisce l'itinerario contrassegnato dalla "A rossa". Si prosegue oltre e si supera una successiva fonte (Suvia Brassettu), dopo la quale si lascia la mulattiera principale per deviare a sinistra su di un inizialmente ripido sentierino, che poco oltre spiana leggermente e transita presso i tralicci della linea elettrica.

Con ulteriore tratto in salita si transita presso un riparo in pietra , per confluire poi sul sentiero segnalato da "2 bolli rossi" unitamente al quale si perviene al Passo della Gavetta (702m), valico situato tra il Bric Gavetta a sinistra e la Rocca dell'Erxo ed il Monte Tardia di Ponente a destra.

Si prosegue con un percorso a mezzacosta pressochè pianeggiante e si raggiunge  il rifugio Ca' da Gava (705m. - Fonte poco sotto).



Qui si lascia la strada diretta al Passo della Gava per seguire a sinistra un sentiero che taglia obliquamente la montuosità soprastante il rifugio, prosegue in zona di radi pini, supera poi il Rio e  la Fonte Leone e dopo alcuni tornanti arriva ad un bivio. Qui si deve abbandonare il sentiero principale per deviare a destra in zona  prativa, passare nei pressi del Riparo Garduin  dopodichè
effettuare la lunga risalita del soprastante pendio in prevalenza erboso, sino a raggiungere la dorsale al Passo di Vaccaria, dove transita l'AVML.
Si prosegue brevemente  a sinistra per poi deviare a destra e pervenire alla cima Vaccaria (1164m), dove è collocata statuina della Madonna.

Il ritono avviene per la via di salita.