mercoledì 1 settembre 2010

Monte Beigua da Sassello

Escursioni da Sassello






Da Sassello al Monte Beigua per la Casa Bandia e la Colla Bergnon, un lungo percorso non molto frequentato.
La possibilità di ritorno ad anello consente una visione completa del versante sassellese del Beigua.

Il percorso di ritorno potrebbe presentare difficoltà a causa di alberi caduti e nella parte finale nell'affrontare un guado nei pressi di Bastia Soprana.


NOTE TECNICHE

Partenza e Arrivo: Sassello
Dislivello: 910
Tempo di percorrenza: 3h,30/4h Anello completo 7h/8h
Segnavia: in salita "2 triangoli gialli" -  in discesa "quadrato giallo vuoto"
Difficoltà: E
Cartografia: Studio Naturalistico EdM - Carta dei Sentieri SV- 1

Attenzione!:  Gli elementi della natura, il disboscamento intensivo e  l'abbandono dei sentieri, possono essere causa di mutamenti,anche sensibili, dello stato dei luoghi descritti

Accesso stradale
Dall'uscita autostradale di Albisola della A10 Genova-Ventimiglia, sia segue la S.S.334 per circa 20km; da Ge-Voltri per Passo del Turchino, Passo del Faiallo, Olba e Palo.
Da Acqui Terme per S.S. 334
Puoi visualizzare l'accesso stradale utilizzando Google Maps sulla barra laterale



Per visualizzare la carta dettagliata della zona del percorso vedi:
Tavole SV-49/ SV----delle Mini MAPPE OUTDOOR ACTIVITIES di Giorgio Mazzarello http://www.mappeliguria.com/ 


Itinerario
Dal centro di Sassello (381 m) si va in Piazza Concezione e prendendo come riferimento il segnavia "2 triangoli gialli", si prosegue per via Umbero I, quindi per via Pozzetto dopodichè si attraversa su di un ponte il Rio Sbruggia.
Superata poi la via Colletto la strada diventa sterrata, passa vicino a due case isolate dopodichè entra nel bosco.

Si transita poi presso una successiva casa isolata, dopo la quale la stradina diventa più ripida e raggiunge dopo lungo percorso la Colla Bergnon (832 m). La strada prosegue scendendo nell'alveo del rio Bissaio, lo attraversa e quindi sale ripida sino alla isolata Casa Bandita (905 m).
Si continua ancora sulla stradina che dopo breve discesa sale nuovamente per raggiungere la costiera  del Giancardo, dove transita l'AVML proveniente dal Giovo e diretta al Monte Beigua.

Si prosegue sulla sinistra lungo il crinale, attraversando successive radure e dopo la confluenza con l'itinerario proveniente da Veirera, nei pressi del Bric Veciri, che sarà utilizzato per il ritorno ad anello.
Proseguendo si perviene alla Sella del Beigua dove si segue l'itinerario della Via Crucis sbucando al termine sulla strada asfaltata nei pressi dell'Albergo Monte Beigua e, con ultimo tratto a sinistra, si raggiunge la Chiesetta della Regina Pacis posta sulla sommità del Monte Beigua (1286 m).

Ritorno ad anello

Prendendo come riferimento il segnavia "quadrato giallo vuoto" si scende seguendo a ritroso l'itinerario di salita  sino al bivio presso il Bric Viciri.
Da qui si prende la stradina che scende a destra e perviene, dopo lungo tratto, ad una casa isolata sulla strada provinciale.
Si segue l'asfaltata per giungere poco dopo alle case di Colla Veirera. Qui prestando molta attenzione al segnavia si prende una stradina forestale sterrata che scende sulla sinistra e si inoltra nel bosco.
Seguendo sempre il tratto principale, ignorando tutti i bivi, dopo lunga discesa si fiancheggia un costone boscoso pervenendo infine ai ruderi della Torre di Bastia Soprana.
Con ulteriore discesa si arriva su una stradina che si segue a destra e che poco oltre valica il Rio Sbruggia su passerella.
Successivamente si transita in località Piano, quindi su asfalto presso il Cimitero da dove in breve si arriva al centro di Sassello.